In uno studio a lungo termine l’estratto di cannabis non danneggia le capacità cognitive

22/08/2013 17:38

SATIVEXLa società GW Pharmaceuticals ha annunciato in un comunicato stampa che l’estratto di cannabis Sativex non ha avuto alcun effetto negativo sulla cognizione. Questo è il risultato di uno studio controllato con placebo di 12 mesi su 121 pazienti con spasticità dovuta alla sclerosi multipla. La società ha dichiarato che “i risultati dello studio confermano il profilo di sicurezza rassicurante del Sativex e forniscono ulteriori prove di efficacia a lungo termine.”

Lo studio è stato richiesto come requisito post-approvazione da parte dell’autorità di regolamentazione del Regno Unito con l’obiettivo primario di valutare se il Sativex possa avere effetti negativi a lungo termine sulla funzione cognitiva o sullo stato d’animo. C’è stato un leggero miglioramento nella cognizione dall’inizio alla fine dello studio sia nel gruppo trattato col Sativex che in quello col placebo. Allo stesso modo, il cambiamento di umore nel corso del periodo di 12 mesi è stato più o meno identico in entrambi i gruppi.

Fonte: International Association for Cannabinoid Medicines (IACM)

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: