L’NFL apre alla possibilità di legalizzare la cannabis terapeutica per i giocatori

14/01/2014 16:22

NFL cannabis terapeuticaAnche l’NFL apre alla possibilità di consentire ai giocatori di utilizzare la cannabis come farmaco nei Paesi dove è permesso. Se in molti sono rimasti sorpresi dall’annuncio, per altri è semplicemente l’adeguamento necessario di uno degli organismi sportivi più conosciuti al mondo, alla rivoluzione culturale che gli Stati Uniti stanno vivendo nei confronti di questa pianta.

Parlando ad ESPN, il commissario dell’NFL Roger Goodell ha suggerito che il divieto sulla marijuana medica potrebbe essere eliminato in futuro, se nella pratica è già stata legalizzata nello Stato anche di un solo giocatore. “Non so cosa come si svilupperà la scienza medica in questo campo né quale sarà la prossima opportunità per la medicina di evolversi e di aiutare a combattere il dolore o contribuire ad affrontare con gli infortuni, ma noi continueremo a sostenere l’evoluzione della medicina”, ha spiegato in televisione.

Anche se più squadre giocano negli Stati in cui la marijuana medica è legale, l’uso della sostanza rimane vietato ai sensi del contratto collettivo della NFL. L’accordo scadrà nel 2021, ed è impostato per non lasciare alcuna possibilità per i giocatori di rinegoziarlo. Eppure il contenuto del contratto collettivo non è così evidente come la NFL possa credere. Secondo Pro Football Talk, è vietato solo  “l’uso illegale” di marijuana, il che significa una potenziale zona grigia negli Stati in cui l’utilizzo terapeutico è consentito.

A complicare la situazione è che molti giocatori NFL soffrono di forti dolori a causa di commozioni cerebrali e traumi in generale, sintomi che possono essere alleviati dalla cannabis. Non si sa ancora come verrà risolta la situazione, ma i giornalisti hanno notato come sia la prima volta che si parli di questa opportunità.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: