Sicilia: primo sì in Regione per la cannabis a scopo terapeutico

28/03/2014 17:17
Lucia Borsellino e Rosario Crocetta

Lucia Borsellino e Rosario Crocetta

In Sicilia è stato fatto il primo passo per permettere ai malati l’accesso alle cure con farmaci a base di cannabis. In un comunicato stampa diffuso dal governatore Rosario Crocetta si può leggere che: “La giunta ha approvato una delibera con la quale dà mandato all’assessore alla Salute perché provveda a predisporre i provvedimenti necessari ad assicurare la possibilità dell’uso terapeutico dei cannabinoidi nelle strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private”.

La proposta è partita dall’assessore regionale alla Salute Lucia Borsellino, figlia del magistrato Paolo Borsellino, alla quale ora è stato ufficialmente affidato l’incarico di proporre una legge regionale per regolare l’utilizzo di medicinali derivati dalla cannabis.

Nel comunicato si spiega anche che: “Il provvedimento nasce sulla base delle modifiche legislative italiane in merito all’uso della cannabis ma anche da più sentenze che hanno riconosciuto a diversi malati, in particolare ai malati affetti da sclerosi multipla, la copertura terapeutica con tale sostanza”. L’iter della legge, dopo l’eventuale approvazione, prevede anche la possibilità che il governo impugni il provvedimento, cosa che però, ad esempio, non è accaduta in Abruzzo.

In Sicilia la legge dovrebbe prevedere la prescrizione dei farmaci derivati da cannabis da parte dei medici specialistici all’interno di strutture sanitarie, ma anche in percorsi terapeutici che potranno essere eseguiti in casa del paziente.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: