“L’erba che cura”: esperti a confronto su cannabis terapeutica e legge lombarda

13/06/2014 10:11

L'erba che curaE’ stata un’occasione per parlare di cannabis terapeutica con dei grandi esperti sul tema e anche per analizzare l’iter della legge regionale che è stata presentata nel novembre 2013.

L’incontro “L’erba che cura” si è tenuto in via Filzi  Milano, nella sede del Consiglio regionale, proprio per dare una valenza istituzionale all’incontro. Tra gli ospiti presenti Paola Macchi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle lombardo, componente della Commissione “Sanità e Politiche sociali”, che ha introdotto e moderato l’incontro aperto dalla presentazione del dottor Edgardo Vieira De Manicor, referente regionale di Assocanapa che ha fatto un introduzione generale su cosa abbia rappresentato questa pianta per la nostra storia e sui possibili utilizzi anche in campo industriale.

Poi si è proseguito con il dottor Gianpaolo Grassi, primo ricercatore del CRA-CIN di Rovigo che ha fatto una panoramica delle varietà terapeutiche studiate dall’istituto spiegando con grafici come si procede per identificare quanti e quali princìpi attivi contengano le diverse varietà. Poi è stato il turno della professoressa Daniela Parolaro, ordinario di farmacologia cellulare e molecolare presso l’Università dell’Insubria e presidente della IACM Italia, che avevamo avuto il piacere di intervistare tempo fa e si è soffermata in particolare sulle potenzialità terapeutiche del CBD.

A seguire c’è stato l’intervento del dottor Vidmer Scaioli, medico specializzato in Neurologia e Neurofisiopatologia dell’Istituto C. Besta di Milano che si è soffermato sulle difficoltà espresse dai suoi pazienti nel reperire il farmaco, e anche sul fatto che in Italia non si facciano studi clinici sui pazienti riguardo ai farmaci cannabinoidi, costringendo l’Italia ad importare, oltre ai farmaci, anche le conoscenze maturate in questo campo in ambito scientifico.

Infine è stata la volta di Iolanda Nanni consigliere regionale del Movimento 5 Stelle lombardo, componente della Commissione “Sanità e Politiche sociali” e prima firmataria del progetto di legge lombardo dal titolo: “Modalità di erogazione dei farmaci e delle preparazioni galeniche a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche”. Dopo aver sottolineato la necessità di colmare il vuoto legislativo Iolanda Nanni ha spiegato che nonostante la legge sia stata proposta il 14 novembre 2013, la maggioranza non ha mai calendarizzato la discussione della legge, rendendone così impossibile l’approvazione.

 Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: