Cannabis in farmacia: Farmalabor riceve l’autorizzazione alla commercializzazione

30/07/2014 08:00

FarmalaborL’azienda farmaceutica pugliese Farmalabor è stata autorizzata dall’Ufficio centrale per gli stupefacenti del Ministero della Salute  al commercio all’ingrosso di preparazioni vegetali a base di Cannabis, diventando, così, la seconda azienda di distribuzione farmaceutica in Italia a vantare questa autorizzazione.

La prima è stata la Acef S.p.A. che dal 2013 distribuisce e commercializza farmaci derivati dalla cannabis nelle farmacie di tutta Italia, affiancando anche un’attività di formazione per i professionisti della salute con “un servizio gratuito di consulenza e supporto, in grado di rispondere a tutti i quesiti scientifici, tecnici e normativi legati all’impiego della Cannabis Flos. Per questo Acef è costantemente impegnata in attività di formazione tecnico/scientifica presso i medici ed i farmacisti promuovendo attraverso la partecipazione a congressi di settore rivolti ad una migliore conoscenza dell’impiego terapeutico dei cannabinoidi”.

Riguardo alla Farmalabor, come sottolinea il comunicato dell’azienda diffuso in questi giorni, l’autorizzazione ministeriale riguarda la commercializzazione e distribuzione e quindi non la produzione del farmaco, che per il momento continuerà con tutta probabilità ad essere importato dall’Olanda.

Le varietà di Cannabis Flos utilizzabili sono Bedrocan, Bedrobinol, Bediol e Bedica, utili per il loro contenuto di dronabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD) nella terapia di diverse patologie, tra cui la SLA (sclerosi laterale amiotrofica).

Il prodotto sarà venduto a farmacie private ed ospedaliere per l’allestimento di preparazioni magistrali su prescrizione del medico. “Infatti – continua la nota – in base al decreto del Ministero della Salute del 23/01/2013, i medici possono utilizzare in terapia non solo il THC ma anche i composti vegetali che lo contengono, inclusi estratti e tinture a base di Cannabis”.

Per Sergio Fontana, amministratore unico di Farmalabor, “è un traguardo importante per noi che si aggiunge all’autorizzazione del 2010, con la quale l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ci ha autorizzati alla produzione di principi attivi farmaceutici. Ovviamente, lavoreremo nel pieno rispetto della normativa e in sintonia con le indicazioni del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ha più volte sottolineato l’importanza di un modus operandi altamente professionale quando si opera con i cannabinoidi, per le loro implicazioni farmacologiche e politico-culturali. Gestiremo tali sostanze con la stessa qualità e sicurezza che contraddistinguono la Farmalabor e l’intero settore farmaceutico italiano, offrendo ai pazienti la possibilità di accedere senza problemi alle cure ufficiali”.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: