Via libera alla produzione italiana di cannabis terapeutica, la coltiverà lo stabilimento militare di Firenze

cannabis terapeuticaSembra finalmente giunto al termine il paradosso per il quale nel nostro Paese fossero autorizzate le cure con farmaci a base di cannabis, ma non ne fosse autorizzata la produzione, con il risultato dell’obbligo dell’importazione che comportava prezzi altissimi per i farmaci acquistati dai pazienti.

Secondo quanto riportato da La Stampa, “il via libera è stato dato dai ministri della Difesa e della Salute Roberta Pinotti e Beatrice Lorenzin, dopo varie polemiche e rallentamenti. La notizia verrà ufficializzata entro settembre. Adesso, spiegano al dicastero della Salute, sono in via di stesura i protocolli attuativi. A questo punto, non è escluso che entro il 2015 i farmaci cannabinoidi saranno già disponibili nelle farmacie italiane”.

Lo stabilimento militare fiorentino che coltiverà la cannabis necessaria a produrre i farmaci nacque per scopi militari ma, negli anni, ha iniziato a lavorare anche per il settore civile. Una scelta, quella dell’impianto di Firenze, voluta dai ministri proprio per controllare il prodotto.

Erano stati svariati gli appelli nell’ultimo periodo affinché si arrivasse a prendere questa decisione: dalla risoluzione depositata da Paolo Bernini del M5S fino alla proposta del senatore Luigi Manconi del PD, che aveva già anticipato la necessità di produrre i farmaci a base di cannabis sul territorio nazionale. Anche dall’istituto farmaceutico militare di Firenze si erano fatti sentire, spiegando che fosse tutto pronto e che mancassero solo le autorizzazioni. Speriamo che sia giunto il momento e che questa scelta possa favorire non solo i pazienti e i medici, ma anche la ricerca scientifica e soprattutto aiuti a colmare il gap culturale che impedisce a molti medici di prescrivere la cannabis ai propri pazienti.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook