La cannabis terapeutica legale in Usa non fa aumentare il consumo tra gli adolescenti

28/07/2015 07:00
Un dispensario di cannabis terapeutica in America

Un dispensario di cannabis terapeutica in America

La legalizzazione della cannabis dal punto di vista terapeutico negli Stati americani non ha portato ad un aumento dell’utilizzo della sostanza da parte degli adolescenti. Lo riferiscono i ricercatori della Columbia University di New York.

La nuova analisi è lo studio più completo realizzato fino ad oggi per rispondere a una questione molto dibattuta: la legalizzazione della cannabis può portare un numero maggiore più adolescenti ad utilizzarla? Lo studio ha scoperto che gli Stati che avevano legalizzato l’uso medico erano in realtà quelli che avevano tassi più elevati di consumo di cannabis adolescenti prima di emanare le disposizioni legislative, se confrontati con gli Stati in cui il farmaco rimane illegale.

Il rapporto, pubblicato su The Lancet Psychiatry, ha coperto un periodo di 24 anni e si è basato sull’indagine di oltre un milione di adolescenti in 48 Stati. Una delle preoccupazione principali che hanno accompagnato il dibattito sulla legalizzazione della cannabis terapeutica in Usa era che l’allentamento delle restrizioni sulla cannabis potesse inviare un messaggio sbagliato ai giovani, e rendere il farmaco più disponibili e più attraente.

“C’è una guerra in corso sulla cannabis, e credo che entrambe le parti abbiano commesso errori nell’interpretare i dati”, ha spiegato al New York Times il dottor Kevin Hill, assistente professore di psichiatria alla Harvard University e direttore del servizio di consulenza sull’abuso di sostanze al McLean Hospital . “E’ bello avere uno studio scientificamente rigoroso per guidare le politiche future.”

Redazione cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: