Cannabis nelle Marche: passata la mozione M5S per approvare la legge del 2013

09/03/2016 16:02
Romina Pergolesi, M5S

Romina Pergolesi, M5S

Era il 2013 quando le Regione Marche approvò una legge per disciplinare l’uso dei derivati della cannabis a scopo terapeutico. Da allora sono passati più di 3 anni e, non essendo stato approvato il regolamento attuativo della legge, nulla era cambiato, con la legge approvata che era dunque rimasta inefficace.

Dopo vari interventi istituzionali e politici che chiedevano chiarezza, ultimo dei quali la mozione del Comune di Senigallia che chiedeva l’approvazione della legge, sembra che le cose inizino a muoversi.

E’ stata infatti approvata all’unanimità la mozione presentata da Romina Pergolesi (M5S) sull’utilizzo terapeutico dei prodotti derivati dalla cannabis, provvedimento che impegna la giunta ad adottare entro tre mesi la delibera per attuare la Legge 13/2013. “Da anni si dibatte sull’argomento – ha sottolineato la Pergolesi – ed ormai sono moltissimi gli studi che hanno riconosciuto le qualità ed i benefici della cannabis per uso medico. La Regione Marche è stata una delle prime a votare una legge nel gennaio del 2013 che, nonostante sia stata approvata a larga maggioranza, giace inapplicata poiché dopo tre anni non sono stati ancora approvati gli indirizzi attuativi”.

Come racconta l’Aduc, il documento è stato condiviso con gli altri componenti della commissione Sanità. “La cannabis”, ha proseguito la Pergolesi, “può essere utilizzata per i dolori da tumore, la sclerosi multipla e può essere utile anche per la cura delle forme di dolore cronico refrattario di origine reumatologica, per il morbo di Crohn, l’asma bronchiale ad alcune forme di epilessia resistenti ai farmaci, nonché per la cura dell’ansia e dell’anoressia. Il passo di oggi potrà garantire a moltissimi malati l’accesso a questo tipo di cure dai benefici conclamati”.

Redazione cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: