“Say yes to cannabis as medicine”: la campagna mondiale per la cannabis

03/05/2016 11:34

Pubblichiamo un aggiornamento della campagna Medical Cannabis Declaration creata da un consorzio internazionale di organizzazioni a favore della cannabis terapeutica che chiede che gli esseri umani, indipendentemente dallo stato o dall’ideologia, siano in grado di usufruire della cannabis a scopo terapeutico. Nei giorni scorsi è stata lanciata una campagna di finanziamento su Indiegogo che durerà 2 mesi per raccogliere soldi che saranno utilizzati per progetti sulla cannabis a livello medico con informazioni, video e newsletter a cura di professionisti del settore pubblicati nelle 10 lingue più parlate al mondo.
Qui la nostra intervista al dottor Franjo Grotenhermenresponsabile della ricerca scientifica sull’impiego terapeutico dei cannabinoidi in medicina presso il Nova-Institut di Colonia e direttore esecutivo dell’International Association for Cannabinoid Medicines in Germania.

Screen-Shot-2016-03-23-at-10.14.30
Che cosa succede a chi è affetto da una grave malattia che gli impedisce di vivere una vita normale? I farmaci convenzionali possono non funzionare sempre. E se ci fosse un farmaco naturale e accessibile che potrebbe aiutare, ma non vi è alcuna fonte affidabile di informazioni su questo medicinale o le leggi nazionali non permettono di usarlo?

Questa è la situazione nei confronti di milioni di persone in tutto il mondo che soffrono di patologie gravi come la sclerosi multipla, l’epilessia, il dolore cronico, depressione grave e disturbo post-traumatico da stress o malattie infiammatorie croniche. Solo 10 dei 200 paesi in tutto il mondo hanno una legislazione che concede ai loro cittadini l’accesso all’uso medico della cannabis e dei cannabinoidi, composti attivi trovati nelle piante di cannabis, che possono contribuire a migliorare notevolmente la qualità della vita dei pazienti. Circa 20 altri paesi consentono un accesso limitato ai farmaci a base di cannabis in alcuni casi specifici. Più di recente, nei primi mesi del 2016, il Parlamento australiano ha legalizzato la cannabis medica dopo una lunga campagna. Tuttavia in ben oltre 150 paesi non vi è ancora alcun accesso legale ai farmaci a base di cannabis.

Quando si tratta di problemi di salute, l’informazione è la chiave. Con il motto “Dite sì alla cannabis come medicina”, l’MCD (www.medical-cannabis-declaration.org) mira ad aumentare la consapevolezza dei benefici della cannabis medica, rendendo decenni di ricerca liberamente disponibili. L’MCD condividerà le informazioni nelle lingue più parlate al mondo, il supporto di rete tra pazienti e medici, e, infine, promuoverà l’accesso legale alla cannabis come medicina in tutti i paesi del mondo.

say-yes-oval-tilt-rightL’MCD ha lanciato una campagna di informazione globale sulla cannabis medica in più lingue rivolta a medici, politici e pazienti. La campagna è sostenuta da importanti professionisti medici internazionali.
Con i soldi raccolti attraverso il crowdfunding l’MCD creerà ed espanderà un database su tutti gli aspetti della cannabis come medicina per i pazienti e gli operatori sanitari, così come i responsabili politici e il pubblico in generale. La banca dati e la newsletter periodica saranno liberamente disponibili in diverse lingue. I fondi raccolti sosterranno inoltre la stretta collaborazione con le piattaforme esistenti sulla cannabis come medicina, nonché per collegare ed ampliare le reti di medici e pazienti esistenti – in particolare con l’Associazione Internazionale per cannabinoidi per i medicinali (IACM, http://www.cannabis-med.org ).

Il progetto spera di creare una comunità di persone che possono aiutare a livello locale, nazionale e internazionale, fornendo informazioni sulla cannabis come medicina. Il progetto sosterrà anche le organizzazioni esistenti che si battono per un miglioramento di accesso legale alla cannabis medica nei loro paesi.

Intanto è stato rilasciato un primo corso online sui “Componenti medicali attivi nella cannabis” in inglese, spagnolo, francese, tedesco, russo, arabo, indiano, mandarino, giapponese e portoghese, sui cannabinoidi, i terpeni ed i loro effetti.

l’MCD spera che altre associazioni, organizzazioni, gruppi ed individui decidano di aderire a questa campagna in crescita per rendere la cannabis terapeutica disponibile a livello globale.

La campagna “Sì alla cannabis come medicina” durerà fino al 18 giugno, e può essere finanziata cliccando QUI.

Per firmare la Medical Cannabis Declaration invece, cliccare QUI

Redazione cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: