La Germania vuole legalizzare la cannabis terapeutica nel 2017

06/05/2016 10:17

German-Cannabis-1038x576La Germania legalizzerà la cannabis per uso terapeutico a partire dal prossimo anno e l’annuncio arriva direttamente dal ministro della Salute Hermann Groehe. “Il nostro obiettivo è che i pazienti gravemente malati siano trattati nel miglior modo possibile”, ha spiegato sottolineando che presenterà un progetto di legge nei prossimi giorni.

Il ministro ha specificato che nella sua idea la cannabis dovrebbe essere disponibile in farmacia solo su prescrizione medica e fino a quando non ci saranno delle coltivazioni autorizzate a livello nazionale, la Germania continuerà ad importare la cannabis terapeutica dall’Olanda anche se secondo la bozza della proposta di legge la polizza di assicurazione sanitaria coprirà i costi delle cure.

“Senza voler pre-giudicare il lavoro del Bundestag, è probabile che la legge entrerà in vigore nella primavera del 2017”, ha detto Groehe quotidiano tedesco Die Welt.

Secondo la German Foundation for Patient Protection, la legge sarebbe una “luce alla fine del tunnel” per migliaia di pazienti affetti da malattie croniche. “Se il Parlamento approvasse la legge, questi pazienti non dovranno più perdersi nei meandri della burocrazia e le coltivazioni illegali di cannabis dei pazienti per uso medico potranno finalmente essere solo un ricordo”.

Il riferimento è ad una recente sentenza della Corte Suprema tedesca nella quale i giudici hanno concesso il permesso ad un paziente affetto da sclerosi multipla di poter per coltivare la cannabis in casa. Anche in Germania è vietata la coltivazione di cannabis, ma le cose stanno prendendo una piega diversa. Dopo un’altra sentenza che aveva stabilito che i malati gravi, in situazioni eccezionali, possono auto-coltivare la cannabis che necessitano per curarsi, nel 2015 un’altra sentenza aveva stabilito che l’inviolabilità del domicilio vale anche per l’auto-coltivazione di cannabis da parte dei pazienti.

Redazione cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: