Medical cannabis: il farmaco più richiesto dagli intoccabili

13/07/2016 10:16

Pubblichiamo qui di seguito uno studio osservazionale retrospettivo a cura del dottor Simone Fagherazzi e realizzato a partire dalle domande di 193 pazienti che hanno usufruito del servizio “Domande al dottore” messo a disposizione dal nostro sito www.cannabisterapeutica.info; qui sotto un commento del dottor Fagherazzi e più in basso lo studio (per visualizzare lo studio completo e scaricarlo gratuitamente, basta cliccare sull’immagine in fondo all’articolo).

copREPORT-01

Questo report nasce dalla collaborazione pro-bono intercorsa tra il Dr. Simone Fagherazzi e il sito cannabisterapeutica.info . Tale collaborazione nasceva con l’intento di prestare aiuto a coloro che non l’avevano trovato in materia di Cannabis Terapeutica. Quello che segue è il riassunto di circa 7 mesi di lavoro insieme. L’analisi che ho effettuato vuole essere il mio regalo di saluto ai ragazzi del sito. La mia collocazione fisica non proprio vicina (attualmente vivo in Nepal) ha fatto giungere alla decisione comune di sospendere il servizio al fine di trovare qualcuno più “fisicamente reperibile”. Mi sembrava doveroso, sentendomi in un certo modo responsabile verso queste persone, trarre i risultati generali di un lavoro molto interessante dal punto di vista epidemiologico conoscitivo e che è costato impegno e fatica da parte di tutti i suoi esecutori.

Ringrazio la mia amica e collega Dr.ssa Elena D’Amico, silente ma costante collaboratrice da dietro le quinte che ha collaborato al lavoro di risposta.

Last but not least dicono gli inglesi volevo ringraziare i pazienti che con le loro testimonianze possono contribuire alla rivalutazione di una pianta dalla tradizione millenaria che potrebbe rappresentare l’unica salvezza del moderno “homo stressatum”. Insieme possiamo cambiare questa concezione e vorrei invitare tutti coloro che utilizzano Cannabis per un motivo logicamente congruo e sicuramente diverso dal “mi voglio sballare con gli amici”, a lasciare la loro breve testimonianza a Dikesalute.

I dati verranno coperti dal segreto professionale in quanto io solo avrò accesso alla casella di posta elettronica dove verranno trasmessi. Una casistica di 193 pazienti inizia ad essere considerevole ma è ancora insufficiente per fornire una base di dati solida per una discussione concreta. Spero in un vostro contributo RIEMPIENDO IL MODULO DI RACCOLTA DATI CHE TROVATE QUI 

Namastè.

Simone

CLICCA SULL’IMMAGINE SOTTOSTANTE PER VISUALIZZARE E SCARICARE GRATUITAMENTE LO STUDIO

articolo-scientificoDEF

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: