L’uso di cannabis non ha effetti sulla fertilità maschile e femminile: nuovo studio

14/02/2018 15:33

L’uso di cannabis da parte di uomini o donne non sembra ridurre le possibilità di una coppia di poter aver un figlio, almeno secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della School of Public Health.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health (JECH), è stato il primo a valutare il legame tra fecondabilità (la probabilità media del concepimento) e l’uso di cannabis. Precedenti studi avevano esaminato gli effetti dell’uso di cannabis sugli ormoni riproduttivi e sulla qualità dello sperma, con risultati contrastanti.

“Dato il crescente numero di stati che legalizzano la marijuana ricreativa in tutta la nazione, abbiamo pensato che fosse il momento opportuno per studiare l’associazione tra uso di cannabis e fertilità”, ha affermato Lauren Wise, la professoressa di epidemiologia che ha guidato la ricerca.

In Pregnancy Study Online (PRESTO), uno studio prospettico di coorte di coppie nordamericane, i ricercatori hanno intervistato 4.194 donne di età compresa tra 21 e 45 residenti negli Stati Uniti o in Canada. Lo studio ha preso di mira in modo specifico le donne con relazioni stabili che non usavano contraccettivi o trattamenti per la fertilità. Ai partecipanti di sesso femminile è stata data la possibilità di invitare i loro partner maschili e 1125 si sono iscritti per partecipare.

I ricercatori hanno scoperto che nel periodo compreso tra il 2013 e il 2017, circa il 12% delle donne partecipanti e il 14% dei maschi hanno riferito di utilizzare marijuana nei due mesi precedenti il ​​completamento dell’indagine di riferimento. Dopo 12 cicli di follow-up, le probabilità di concepimento erano simili tra le coppie che usavano marijuana e quelle che non lo facevano.

I ricercatori hanno sottolineato che rimangono delle domande sugli effetti dell’uso di cannabis. Ad esempio hanno affermato che classificare correttamente le persone in base alla quantità di marijuana utilizzata, soprattutto se ci si basa su dati auto segnalati, è una sfida. “Studi futuri con dati specifici sull’uso della cannabis potrebbero essere in grado di distinguere meglio gli effetti acuti da quelli cronici e valutare se gli effetti dipendono da altri fattori”, hanno scritto.

Redazione di cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: