Cannabis “efficace e sicura” nel trattamento della fibromialgia secondo un nuovo studio

La cannabis potrebbe essere un’opzione di trattamento per la fibromialgia, patologia caratterizzata da diffusi dolori muscoloscheletrici, affaticamento, scarsa qualità del sonno e difficoltà cognitive, che ad oggi non sembra avere cause specifiche e non ha nessuna cura efficace.

Ma una speranza potrebbe arrivare dalla cannabis, dopo che uno studio osservazionale durato 6 mesi che ha coinvolto 367 pazienti ha riscontrato un significativo miglioramento dell’intensità del dolore e dei sintomi correlati.

“È comunemente accettato che il dolore cronico può essere trattato con cannabis, ma ci sono state meno prove a sostegno del ruolo che svolge nel trattamento specifico della fibromialgia”, ha dichiarato Lihi Bar-Lev Schleider, uno dei principali autori dello studio e capo ricercatore presso il dipartimento di ricerca di Tikun Olam a Tel Aviv, in Israele, dove è stato condotto.

“I nostri dati indicano che la cannabis medica potrebbe essere un’opzione terapeutica promettente per il trattamento della fibromialgia, in particolare per coloro che hanno fallito le terapie farmacologiche standard. Dimostriamo che la cannabis terapeutica è efficace e sicura se titolata lentamente e gradualmente ”, ha concluso lo studio, pubblicato a giugno 2019 sul Journal of Clinical Medicine.

Nello studio l’81,1% ha riportato il successo complessivo del trattamento; il 73,4% ha riportato un miglioramento del sonno; l’80,8% ha riferito un miglioramento dei sintomi correlati alla depressione; il 61,9% ha segnalato componenti migliorati della “qualità della vita” tra cui l’appetito e l’attività sessuale.

Cannabis: nessun effetto collaterale significativo o negativo

L’88% dei partecipanti ha riportato un moderato miglioramento senza effetti collaterali negativi.

“Le implicazioni di questi risultati per i pazienti con fibromialgia sono che ora potrebbero avere un’opzione di trattamento aggiuntiva”, ha sottolineato Bar-Lev Schleider a Weedmaps News. “Lo studio aggiunge un’informazione sulla sicurezza e l’efficacia della cannabis terapeutica nel trattamento dei loro sintomi.”

Bar-Lev Schleider ha osservato che il 59,7% dei partecipanti stava assumendo oppioidi per il dolore all’inizio dello studio. Un sondaggio di follow-up sui partecipanti dopo sei mesi ha rilevato che il 22% ha interrotto o ridotto il consumo di oppioidi e benzodiazepine.

“Ci sono pazienti che in futuro smetteranno o assumeranno farmaci e il loro unico trattamento sarà la cannabis medicinale”, ha affermato Bar-Lev Schleider.

Gli studi precedenti su cannabis e fibromialgia

La marijuana medica è stata oggetto di altri studi sui trattamenti per la fibromialgia. In uno studio di revisione retrospettiva del 2018, il coautore Dr. George Habib ha anche scoperto che la cannabis medica era un efficace trattamento alternativo per la fibromialgia.

Mentre in uno studio pubblicato all’inizio del 2019 la cannabis standardizzata di grado farmaceutico con un alto contenuto di tetraidrocannabinolo (THC) si è rivelata efficace nel trattamento del dolore muscolo-scheletrico causato dalla fibromialgia.

Redazione di cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook