Ecco come il THC induce la morte programmata delle cellule del cancro

17/11/2016 11:08

thcL’autofagia è considerato un processo che garantisce la sopravvivenza delle cellule, ma che può anche portare alla loro morte. Tuttavia i fattori che determinano il passaggio tra questi due risultati opposti sono ad oggi in gran parte sconosciuti.

E così i ricercatori del dipartimento di Biochimica e Biologia molecolare dell’Università Complutense di Madrid hanno realizzato uno studio per capire come il THC potesse indurre la morte programmata delle cellule tumorali, processo che è stato dimostrato da numerosi studi e pubblicazioni scientifiche.

“In questo lavoro”, spiegano i ricercatori riguardo allo studio pubblicato su Autophagy, “abbiamo utilizzato Δ9-tetraidrocannabinolo (THC, il principale componente attivo della cannabis, un composto che fa scattare l’autofagia mediata e la morte delle cellule tumorali) e di privazione dei nutrienti (uno stimolo autofagico che fa scattare l’autofagia citoprotettiva) per indagare quali siano i precisi meccanismi molecolari responsabili dell’attivazione dell’autofagia citotossica nelle cellule tumorali. Utilizzando una vasta gamma di approcci sperimentali si è dimostrato che il THC (ma non la privazione di nutrienti) aumenta il dihydroceramide, il rapporto di ceramide nel reticolo endoplasmatico delle cellule del glioma, e questa alterazione è diretta a promuovere la permeabilizzazione della membrana lisosomiale, il rilascio di catepsina e la successiva attivazione della morte cellulare per apoptosi”.

Gli studiosi concludono che: “Questi risultati aprono la strada per chiarire i meccanismi di regolazione che determinano l’attivazione selettiva e la morte delle cellule tumorali per autofagia mediata”.

Redazione cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: