Cannabinoidi: cosa sono THC, CBD e altri principi attivi

La cannabis contiene un’enorme quantità di principi attivi. Su oltre 600 composti ad oggi identificati troviamo i terpeni (oltre 200), gli idrocarburi, i flavonoidi, gli acidi grassi, gli alcoli, gli aldeidi e le cannaflavine, oltre ai 120 cannabinoidi fino ad oggi identificati.

La distribuzione dei cannabinoidi varia nei differenti ceppi di cannabis ed in genere solo tre o quattro cannabinoidi si trovano in una pianta in concentrazioni superiori allo 0.1%. Il THC, cannabinoide psicoattivo, è probabilmente quello con più applicazioni farmacologiche. E’ stato sintetizzato per primo nel 1964 dal dottor Raphael Mechoulam, ampiamente riconosciuto come il padre della ricerca sui cannabinoidi e vincitore di molti premi prestigiosi per il suo lavoro. Le applicazioni del THC in medicina spaziano dal trattamento dell’Alzheimer all’aterosclerosi, passando per glaucoma, sclerosi multipla, Parkinson, apnee notturne, sindrome di Tourette, cancro (in vari modi) e molte altre.

Il CBD è un fitocannabinoide non psicoattivo, comune in alcuni ceppi di cannabis e il suo potenziale terapeutico è stato evidenziato in un gran numero di malattie e sintomi. Altri fitocannabinoidi molto importanti dal punto di vista terapetuico sono il cannabigerolo (CBG), il cannabicromene (CBC) e il cannabinolo (CBN). Oltre ai composti naturali prodotti dalla pianta (fitocannabinoidi) troviamo anche i cannabinoidi sintetici e cioè riprodotti artificialmente in laboratorio.

L’opinione di alcuni ricercatori è che isolando uno o due composti della cannabis per fare un farmaco si ottenga un minor effetto terapeutico, perché in questo modo si perde il cosiddetto “effetto entourage” che viene dato dall’azione composita delle decine di componenti contenuti. Il primo a parlare di questo effetto è stato proprio Mechoulam nel 1998, spiegando che i principi attivi all’interno della pianta operano in sinergia, influenzando il corpo nello stesso modo del sistema endocannabinoide, con la capacità di influenzare molteplici bersagli, quella di migliorare l’assorbimento dei principi attivi, di superare i meccanismi di difesa dei batteri e la possibilità di minimizzare gli effetti collaterali negativi.

Approfondisci
Articoli
Articoli
CBD e sport: i benefici secondo la scienza
I Principi Attivi

CBD e sport: i benefici secondo la scienza

Il CBD si sta facendo sempre più largo tra gli appassionati e gli sportivi professionisti grazie alle sue caratteristiche che lo rendono una molecola che, oltre ad aessere un efficace antinfiammatorio e analgesico naturale, permette agli atleti…
27 novembre 2023
Il CBD e gli effetti neuroprotettivi sul cervello
I Principi Attivi

Il CBD e gli effetti neuroprotettivi sul cervello

Gli effetti del CBD sul cervello e le sue potenzialità nella neuroprotezione sono uno dei campi di applicazione del cannabinoide al centro dell'attuale ricerca scientifica.  Secondo recenti studi, infatti, il canabidiolo sarebbe in grado…
20 novembre 2023
Qual è la differenza tra THC e CBD?
I Principi Attivi

Qual è la differenza tra THC e CBD?

Quando si parla di cannabis medicale ci si riferisce indirettamente ai due principi attivi che hanno i maggiori effetti terapeutici noti: il THC o Delta-9-Tetraidrocannabinolo ed il CBD o Cannabidiolo. Per ricavare il THC ed il CBD dell'infiorescenza…
30 settembre 2022
I principi attivi della cannabis in breve
I Principi Attivi

I principi attivi della cannabis in breve

La cannabis contiene un’enorme quantità di principi attivi. Su oltre 600 composti ad oggi identificati troviamo i terpeni (oltre 200), gli idrocarburi, i flavonoidi, gli acidi grassi, gli alcoli, gli aldeidi e le cannaflavine, oltre ai 120…
14 luglio 2022
Plant Molecular Farming: la cannabis come mini-fabbrica verde per creare biomolecole
Archivio

Plant Molecular Farming: la cannabis come mini-fabbrica verde per creare biomolecole

Con questo articolo, dedicato al nuovo campo delle biotecnologie chiamato Plant Molecular Farming, per il quale la cannabis si può prestare benissimo grazie all'elevato numero di principi attivi, iniziamo la nostra collaborazione con il dottor Alessandro Conca, di professione biotecnologo. Le piante possono essere utilizzate come mini fabbriche verdi per la produzione di una ampia gamma di molecole, da quelle di interesse farmaceutico ai polimeri biodegradabili di nuova generazione. Questa nuova area delle biotecnologie è chiamata “Plant Molecular Farming” (PMF).
26 gennaio 2021
AttenzioneLe informazioni su questo sito sono presentate a solo scopo informativo, non possono costituire in alcun caso la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Pertanto non possono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente o la visita specialistica. Leggi il Disclaimer