Trattamento della Vulvodinia con cannabis

A cura di
Cistite.info

Cistite.info

Siamo un'associazione NO-PROFIT di promozione sociale composta da donne affette da patologie uro-genitali che si attivano volontariamente in favore di donne con le stesse problematiche. Ci occupiamo di educazione sanitaria finalizzata alla promozione della salute femminile e alla prevenzione delle patologie pelviche. 

Cistite.info APS promuove l'autocoscienza dell'intimo femminile attraverso la conoscenza dell'apparato urogenitale, delle problematiche ad esso connesse e delle modalità per mantenerlo in salute.

La vulvodinia è una sindrome caratterizzata da “disturbo o bruciore vulvare, in assenza di patologie visibili o di disfunzioni specifiche clinicamente identificabili”.

La vulvodinia è una patologia molto comune. Si calcola che il 12-15% delle donne ne sia affetto.

I Sintomi

La vulvodinia provoca ipersensibilità vulvare. La donna affetta da vulvodinia riferisce bruciore alla pressione, sensazione di abrasione, secchezza, spilli, pulsazioni, gonfiore, dolore alla penetrazione. I sintomi possono essere spontanei o provocati, lievi o gravi, continui o intermittenti e possono anche coinvolgere le vie urinarie e l'intera zona pelvica. La vulva può apparire arrossata, ma più spesso non presenta alcuna alterazione. Questo disturbo può avere un impatto significativo sulla qualità della vita, influenzando attività quotidiane come camminare, sedersi, avere rapporti sessuali, effettuare una visita ginecologica.

La Diagnosi

La diagnosi avviene per esclusione, poiché condivide molti dei sintomi con altre patologie ginecologiche. Escluse queste patologie si effettua lo swab test : con un cotton fioc viene toccata la vulva in vari punti per valutare la percezione dolorosa. Essendo una patologia non ancora riconosciuta dal SSN pochi medici la conoscono e la donna con Vulvodinia in media impiega quasi 5 anni per avere una diagnosi corretta.

Le Terapie

Le terapie per la vulvodinia prevedono generalmente farmaci neuromodulatori, terapie elettriche, terapie manuali di riabilitazione del pavimento pelvico. Recentemente la medicina inizia a riconoscere il potenziale del CBD come trattamento complementare del dolore cronico associato a questa condizione. Considerando le complicanze fisiche ed emotive associate alla malattia, è cruciale la tempestività delle cure. L'impiego di Cannabis a scopo medico è suggerito come mezzo per ottenere il rilassamento muscolare, contenere il dolore soprattutto di natura neuropatica e raggiungere un benessere psicologico, con un notevole miglioramento della qualità della vita.

La Prevenzione

Secondo la letteratura scientifica attuale, non esiste una prevenzione specifica per la vulvodinia, ma solo alcune accortezze legate all'igiene, all’abbigliamento e alla protezione della mucosa genitale.

Approfondisci
Articoli
Articoli
Riconoscere i sintomi della vulvodinia
Vulvodinia

Riconoscere i sintomi della vulvodinia

La vulvodinia è una patologia infiammatoria che può essere generalizzata o localizzata. Ecco di cosa si tratta, quali sono i sintomi e come riconoscere la condizione. Cos’è la vulvodinia La vulvodinia è una patologia…
2 febbraio 2024
Diagnosticare vulvodinia e vestibolodinia con lo Swab test
Vulvodinia

Diagnosticare vulvodinia e vestibolodinia con lo Swab test

Vulvodinia e vestibolodinia sono due patologie infiammatorie che interessano la vulva e che sono caratterizzate soprattutto da dolore e bruciore. La diagnosi da parte dello specialista si raggiunge grazie all’esecuzione di uno Swab Test: un esame…
12 gennaio 2024
Vulvodinia: la cannabis come prima scelta terapeutica
Vulvodinia

Vulvodinia: la cannabis come prima scelta terapeutica

La vulvodinia è una patologia ginecologica che presenta sintomi differenti è che è difficile diagnosticare, anche perché spesso viene confusa con altri disturbi come la cistite o la candida. A complicare ancora di più…
10 novembre 2023
AttenzioneLe informazioni su questo sito sono presentate a solo scopo informativo, non possono costituire in alcun caso la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Pertanto non possono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente o la visita specialistica. Leggi il Disclaimer