L’endocannabinoide 2-AG utile nei danni polmonari infiammatori

02/12/2013 14:44

severe-lung-cannabinoid-11-21-720x340Il sistema endocannabinoide come aiuto per i pazienti che soffrono di una grave forma di malattia polmonare. La sindrome da distress respiratorio (ARDS) è una condizione pericolosa per la vita causato da lesioni o infezioni acute del polmone.

In un recente studio scientifico, pubblicato sulla rivista open-access PLoS ONE, alcuni ricercatori della Scuola di Medicina Veterinaria dell’Università di San Paolo sono stati in grado di proteggere i topi da danno polmonare acuto con l’aumento del livello dell’endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo ).

“Si è concluso che l’aumento dei livelli di 2-AG produce effetti anti-infiammatori in un modello murino, una constatazione che è stata considerata una conseguenza della attivazione dei recettori CB1 e CB2”.

Come cannabinoide presenti nella cannabis, il 2 -AG agisce su percorsi specifici nel corpo chiamati recettori dei cannabinoidi (CB1 e CB2 ). Le cellule immunitarie del nostro corpo sono note per avere una elevata concentrazione di questi recettori. Attivando i recettori dei cannabinoidi, gli scienziati sono stati in grado di controllare l’iperattività del sistema immunitario, un fattore da cui nasce una vasta gamma di malattie infiammatorie, tra le quali anche il danno polmonare acuto.

Mentre i risultati devono essere confermati nell’uomo , il gruppo conclude chel’obbiattivo potrebbe essere ” uno strumento terapeutico utile per il trattamento di malattie polmonari infiammatorie “.

Fonte: International Association for Cannabinoid Medicines (IACM)

Redazione Cannabisterapeutica.info

 

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: