La cannabis potrebbe essere il miglior trattamento per la fibromialgia?

24/04/2014 16:57

FIBROMIALGIA-COPUn sondaggio della  organizzazione no-profit americana National Pain Foundation condotto online su oltre 1300 pazienti, suggerisce che la cannabis potrebbe funzionare meglio dei farmaci approvati attualmente dalla Food and Drug Administration americana nel trattamento della fibromialgia.

Come racconta Leafscience, ai pazienti affetti da dolore cronico è stato chiesto di valutare l’efficacia del trattamento sperimentato scegliendo tra la cannabis terapeutica e i 3 farmaci approvati per il trattamento della fibromialgia: Savella, Lyrica e Cymbalta. Solo l’8% di coloro che hanno provato il Cymbalta e il 10% di chi ha utilizzato Lirica o Savella hanno dichirato che fosse “veramente efficace”. Per tutti e 3 i farmaci oltre il 60% dei pazienti ha detto che “non sono per niente utili”.

Praticamente opposte le reazioni di chi invece ha provato la cannabis: il 62% ha infatti dichiarato che è “veramente efficace”, mentre il 33% “che aiuta un po’”.

fibromyalgia-survey-2-04-21

 

Una storia italiana a proposito della fibromialgia, sindrome caratterizzata da dolore muscolare cronico diffuso associato a rigidità che colpisce soprattutto le donne, l’avevamo raccontata tempo fa. Si tratta di una donna che aveva denunciato come, dopo essersi dovuta recare il Olanda per procurarsi il farmaco, e dopo che il suo medico avesse constatato i suoi effettivi progressi, si rifiutasse comunque di prescriverle il farmaco.

E non deve sorprendere che così molti pazienti dicano di trarne beneficio, visto che ci sono diversi studi e ricerche scientifiche che lo testimonianoIn uno studio del 2011 condotto da ricercatori spagnoli, i pazienti che hanno usato cannabis hanno mostrato miglioramenti nel dolore, rigidità, rilassamento e la percezione di benessere. “L’uso di cannabis è stato associato ad effetti benefici su alcuni sintomi della fibromialgia “, hanno osservato gli autori .

Allo stesso modo, un sondaggio del 2012 ha rilevato che un canadese su 8 tra quelli affetti da fibromialgia, utilizza la marijuana per far fronte ai propri sintomi. “Pensiamo che probabilmente siano coinvolti i cannabinoidi in generale” ha spiegato il dottor Mark Ware, professore associato di anestesia presso la McGill University e co-autore dello studio canadese. “E’ solo una questione di capire come mettere in pratica questo potenziale”.

Un precedente studio del dottor Ware e del suo team ha rivelato che il nabilone, una pillola contenente THC, potrebbe aiutare chi soffre di fibromialgia a dormire meglio. E’ stato dimostrato che il nabilone riduca il dolore e migliori la qualità della vita nei pazienti affetti dalla malattia. Tuttavia, alcuni pazienti preferiscono la cannabis naturale rispetto alle versioni sintetiche, che sono note per avere effetti collaterali più potenti. “Ho pazienti con una gamma di sindromi dolorose coi quali tutti i tipi di trattamento hanno fallito e per i quali cannabis è stata l’unica opzione ragionevole che hanno per controllare i loro sintomi”, conclude il dottore.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: