Campagna mondiale: la cannabis per scopi terapeutici è un diritto umano

23/05/2014 16:00

Campagna mondiale cannabis terapetuicaUn consorzio internazionale di organizzazioni a favore della cannabis terapeutica chiede che gli esseri umani, indipendentemente dallo stato o dall’ideologia, siano in grado di usufruire della cannabis a scopo terapeutico. In una dichiarazione congiunta chiamata appunto Medical Cannabis Declaration le organizzazioni provenienti da Europa e Nord America fanno riferimento all’articolo 3 della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo adottata dalle Nazioni Unite nel 1948. E’ l’inizio di una campagna mondiale per l’uso della cannabis per scopi terapeutici.

La dichiarazione è stata pubblicata su un sito web dedicato (www.medical-cannabis-declaration.org): “Ogni medico ha il diritto di trattare i suoi pazienti con cannabinoidi e prodotti derivati dalla cannabis secondo le regole di una buona assistenza medica” e “ogni paziente ha il diritto di accedere a cannabis e cannabinoidi per il trattamento terapeutico sotto la supervisione di un medico, indipendentemente dallo stato sociale, standard di vita o mezzi finanziari”.

“La dichiarazione si basa su prove scientifiche schiaccianti. Ci vuole una forte presa di posizione contro i pregiudizi e le falsità dei legislatori, altri attori politici ed “esperti” con limitate conoscenze mediche sulla questione”, spiega Franjo Grotenhermen, medico e Direttore Esecutivo dell’International Association for Cannabinoid Medicines (Germania).

L’obiettivo della dichiarazione è generare sostegno a livello mondiale e permettere alle organizzazioni di tutto il mondo di adottare una posizione più definitiva. “La dichiarazione congiunta e il sito web relativo sono il nucleo di un movimento mondiale per quanto riguarda il diritto umano di utilizzare la cannabis per scopi terapeutici“, ha aggiunto Al Byrne dell’associazione Patients Out of Time (USA). La dichiarazione è il prodotto di esperti qualificati provenienti da diversi paesi che stanno lavorando per contrastare le forze contrarie alla cannabis.

La cannabis ha stabilito il proprio uso medico nel corso della storia del mondo e, insieme con la recente scoperta del ruolo del sistema cannabinoide endogeno nel corpo umano, deve essere messa a disposizione di tutti i cittadini di ogni paese. I creatori della dichiarazione l’hanno progettata col fine di permettere e incoraggiare sia le organizzazioni che gli individui ad unirsi fra loro con la firma del documento, a sostegno del comune obiettivo di creare una campagna mondiale per porre fine all’illegittimo divieto di utilizzare la cannabis per scopi terapeutici. Molti scienziati, medici e altri esperti del settore hanno già offerto il loro sostegno con l’aggiunta delle loro firme.

I primi firmatari della dichiarazione sono elencati di seguito. Unitevi a noi nel chiedere la fine del divieto sulla cannabis terapeutica e l’inclusione della cannabis terapeutica nella farmacopea nazionale di ogni paese della terra:

– American Nurses Association (ACNA), USA
– Americans for Safe Access (ASA), USA
– Arbeitsgemeinschaft Cannabis als Medizin (ACM), Germania
– Associazione per la Cannabis Terapeutica (ACT), Italia
– International Association for Cannabinoid Medicines (IACM), internazionale
– Norsk Forening per Cannabinoidmedisin (NFCM), Norvegia
– Patients Out of Time (POT), USA
– Schweizer Arbeitsgruppe für Cannabinoide in der Medizin (SACM), Svizzera
– Selbsthilfenetzwerk Cannabis Medizin (SCM), Germania
– Society of Cannabis Clinicians (SCC), USA
– Union Francophone pour les Cannabinoïdes en Médecine (UFCM), Francia e Lussemburgo

Se la tua organizzazione vuole firmare la dichiarazione per favore scrivi a:
info@medicalcannabisdeclaration.org

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: