La lobbie farmaceutica degli oppiacei contro la cannabis terapeutica

14/09/2016 21:25

oppioidi-cannabis“I nostri prossimi articoli saranno volti ad indagare i modi in cui le aziende farmaceutiche hanno spietatamente promosso la mortale epidemia di oppiacei nella nostra nazione. Questo primo articolo racconta l’ultimo tentativo di lobbying per bloccare la legalizzazione della cannabis medica. Altri articoli futuri chiariranno i vari altri aspetti di questa storia sordida”.

Inizia così il duro attacco di Allen Frances, professore emerito presso la Duke Univertsity, attraverso il suo blog sull’americano Huffington Post. E’ stato anche il presidente della DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) task force, creata in America per classificare i disordini mentali dei pazienti.

La crescita esponenziale della dipendenza da oppiacei da prescrizione offre un classico esempio di egoistica avidità aziendale senza alcuna traccia di coscienza aziendale. Gli spacciatori delle aziende farmaceutiche stanno cercando di proteggere i loro profitti facendoli pagare con il sangue, bloccando la concorrenza leale della molto più sicura e molto più economica marijuana medica. Come al solito, la big Pharma mostra grande lealtà ai suoi dirigenti, ai suoi azionisti ed ai suoi politici asserviti, accanto ad un disprezzo vergognoso per la vita dei suoi pazienti ed il benessere della nostra società”.

Il professor Allen Frances

Il professor Allen Frances

Le passanti accuse del professore proseguono sottolineando che “I cartelli della droga sono giustamente disprezzati. Ma le aziende farmaceutiche sono oggi più mortali e solo in parte meno spietate. I politici dovrebbero pesare le notevoli evidenza che dicono che la legalizzazione della cannabis medica migliora la gestione del dolore e riduce la dipendenza da oppioidi. Dovrebbero concentrarsi meno sui pochi pericoli reali ed essere meno soggetti alle forti pressioni dell’industria farmaceutica”.

La cannabis terapeutica riduce l’abuso da oppiacei e le morti correlate.
“Venticinque Stati e il distretto della Columbia hanno legalizzato la cannabis per scopi medici. Si scopre che la marijuana medica è sopravvalutata per molte delle condizioni attualmente trattate ma che potrebbe avere un ruolo importante nel migliorare la nostra gestione attualmente terribile del dolore cronico. Una revisione di 79 studi spiega che “il miglioramento del dolore con cannabinoidi rispetto al placebo è del 30% quando non è maggiore. Gli studi dimostrano anche che la legalizzazione della cannabis medica, riduce dal 15 al 35% i ricoveri per abuso di prescrizione degli oppioidi e decessi per overdose da oppiacei. Negli stati che legalizzano la marijuana medica, i medici fanno anche molte meno prescrizioni per i farmaci destinati a trattare il dolore, depressione, ansia, attacchi epilettici, e nausea”.

“Il pericoloso uso eccessivo di oppiacei da prescrizione”, sottolinea il professore, “è diventato il nostro incubo nazionale. Qualsiasi valutazione razionale dei rischi rispetto ai benefici sarebbe di molto a favore della cannabis rispetto alle pillole attuali”.

Big Pharma combatte per difendere i propri profitti dagli oppioidi
“Big Pharma è l’avversario più attivo e potente della cannabis medica legalizzato. Le sue attività sovversive assumono la forma consueta usata da tutti i settori ricchi e potenti per difendere i loro interessi commerciali egoistici quando questi sono in conflitto con il bene pubblico: la sponsorizzazione di ricercatori anti-cannabis; il finanziamento di organizzazioni anti-cannabis; agenzie di lobbying governative; dando i suoi “frutti” ai politici; e creando campagne di pubbliche relazioni. La posta economica in gioco è alta. Da un lato, Big Pharma protegge i propri ricavi di circa 10 miliardi di dollari l’anno. D’altra parte, i costi della dipendenza dagli oppioidi per la nostra società sono numeri enormi, multipli di questo. Basta prendere in considerazione tutti i trattamenti medici e di riabilitazione necessari per chi abusa con le prescrizione di oppiacei e la dipendenza; la produttività persa sul lavoro; l’impatto sui sistemi giuridici e di correzione; e tutti i costi supplementari sostenuti per la dipendenza.

Per non parlare di tutte le vite perse e rovinate. Pharma combatterà fino all’ultimo dollaro per proteggere il proprio prodotto redditizio ma mortale che è e comunque costoso per la società. La società ha bisogno di imparare a combattere e proteggersi dalle aziende farmaceutiche predatorie. Diversi altri settori sono alleati con Big Pharma nel contrastare attivamente la legalizzazione in particolare i produttori di birra, distillatori e Big Tobacco. Tutti sono palesemente auto-interessati, ma nessuno è abbastanza ipocrita come l’industria farmaceutica, che strombazza costantemente la sua devozione per il benessere del paziente, mentre costantemente lo sacrifica sull’altare osceno del profitto.

Cosa si deve fare
E’ una politica pazza quella che rende illegale un farmaco relativamente sicuro, consentendo allo stesso tempo a Big Pharma di spingerne legalmente uno estremamente letale. L’epidemia di dipendenza e le morti per oppiacei da prescrizione sono una tragedia nazionale che affligge tutti i cinquanta Stati. La soluzione non è semplice, ma è chiaro che la legalizzazione universale della cannabis medica dovrebbe essere parte della soluzione. L’opposizione politica si basa in parte su motivi ideologici e puritani; in parte su una infondata sovrastima del rischio; e in parte sugli sforzi avidi di Pharma di tenere la sua quota di mercato degli oppioidi contro un concorrente efficace e molto più sicuro. La storia recente chiarisce che Big Pharma possiede Washington e anche molti capitali di Stato. Investe due volte tanto sul marketing e in attività di lobbying, rispetto a quanto fa per la ricerca: ha dimostrato che è molto meglio  comprare i politici piuttosto che produrre prodotti migliori.

Ma ciò che è giusto a volte trionfa, in particolare quando le prove sono così chiare e il costo in vite umane è così alto. Ora che 25 Stati hanno legalizzato la cannabis medica e hanno tratto tale evidente beneficio, gli altri 25 Stati possono permettersi di continuare a soffrire l’enorme costo finanziario e di sofferenza umana degli oppiacei legali?

Legalizzare la cannabis non risolve il pasticcio degli oppioidi in generale, ma è un passo ovvio ed efficace nella direzione giusta.

Fonte: thehuffingtonpost.com

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: