Il CBD come “terapia promettente” per trattare la dipendenza da cocaina e anfetamina

Agosto 3 2020 | ansia, stress e depressione, Patologie, Studi scientifici

La cannabis potrebbe essere un’arma efficace nel trattare la dipendenza da cocaina. E’ ciò che risulta da una meta-analisi di 14 studi scientifici precedenti, che avevano analizzato proprio le potenzialità della cannabis e dei suoi composti nel trattare la dipendenza negli animali.

In particolare la somministrazione di CBD sembra avere una moltitudine di effetti che attenuano i comportamenti che creano dipendenza. “Il CBD promuove la riduzione dell’autosomministrazione di cocaina”. Inoltre, interferisce nella cocaina inducendo la stimolazione della ricompensa cerebrale e il rilascio di dopamina”, afferma lo studio pubblicato sulla rivista Pharmacology Biochemistry and Behavior.

Il CBD come promettente terapia per la dipendenza da cocaina 

Anche se non tutti gli studi in esame erano coerenti tra loro, e i ricercatori hanno sottolineato la necessità di esperimenti sull’uomo, hanno detto che la ricerca sugli animali ha generalmente indicato che il CBD può ridurre l’autosomministrazione e molti sintomi di dipendenza.

Per esempio, secondo uno studio del 2018, una dose giornaliera di 20 mg/kg di cannabidiolo ha portato a “una differenza significativa nel consumo di cocaina il decimo giorno dello studio e un consumo inferiore durante l’intera procedura rispetto al gruppo di controllo” dei topi.

Nel 2019, i ricercatori hanno anche riferito che “la somministrazione sistemica di CBD (20 mg/kg)” 30 minuti prima del test “ha ridotto significativamente l’autosomministrazione di basse dosi di cocaina”. L’effetto non si è però verificato con concentrazioni più basse di CBD. Un altro studio analizzato ha dimostrato che dosi di CBD di 10 e 20 mg/kg di CBD “hanno aumentato significativamente la soglia per l’autostimolazione, suggerendo una riduzione della ricompensa per la stimolazione cerebrale”, che è una delle principali componenti della dipendenza. Secondo un altro studio, anche i ratti con una storia di uso di cocaina che sono stati trattati con il composto della cannabis hanno mostrato meno ansia.

“Le prove descritte nella presente revisione sistematica indicano che il CBD è una promettente terapia aggiuntiva per il trattamento della dipendenza da cocaina, grazie al suo effetto sul consumo di cocaina, sulla ricompensa cerebrale, sull’ansia, sui ricordi contestuali correlati, sui neuroadattamenti e sulla protezione epatica, nonché sul suo effetto anticonvulsivo e sulla sicurezza”, hanno concluso gli autori.

I meccanismi con cui il CBD contrasta la dipendenza da cocaina, crack e metanfetamina

Un altro studio pubblicato nel 2019 su Molecules, ha analizzato invece i possibili meccanismi con i quali il CBD contrasta la dipendenza da cocaina, crack e metanfetamina. “Attualmente non esistono farmacoterapie approvate per la dipendenza da cocaina e altri psicostimolanti. Diversi studi hanno identificato il cannabidiolo (CBD) come un possibile trattamento promettente per i disturbi da uso di sostanze. Nel presente lavoro, gli autori descrivono le scarse ricerche precliniche e umane sulle azioni del CBD sugli effetti delle droghe stimolanti, principalmente cocaina e metanfetamine (METH). Inoltre, vengono esaminati i possibili meccanismi alla base del potenziale terapeutico del CBD sui disturbi da uso di stimolanti. Il CBD ha invertito la tossicità e le crisi indotte dalla cocaina, la sensibilizzazione comportamentale indotta dalle anfetamine, la motivazione all’autosomministrazione di cocaina e METH, la reintegrazione della cocaina indotta dal contesto e dallo stress e la reintegrazione dei comportamenti di ricerca di METH indotta dallo stress”.

Secondo i ricercatori “i potenziali meccanismi coinvolti negli effetti protettivi del CBD sulla dipendenza da psicostimolanti includono la prevenzione dei neuroadattamenti indotti dai farmaci (cambiamenti dei percorsi di segnalazione intracellulare e dei neurotrasmettitori), la cancellazione delle memorie aberranti, la reversione dei deficit cognitivi indotti dai farmaci psicostimolanti e l’attenuazione dei disturbi mentali comorbiti dall’abuso di psicostimolanti”.

Redazione di Cannabisterapeutica.info

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta aggiornato!

Grazie per esserti iscritto!