La nuova missione del dottor Sanjay Gupta: un documentario su marijuana medica e diritto di cura nel Regno Unito

22/11/2013 16:57

Sanjay_GuptaSanjay Gupta è il celebre neurochirurgo americano che si è scusato pubblicamente per aver “ingannato” il pubblico americano sulla cannabis terapeutica, diventando dopo la svolta uno dei più convinti sostenitori delle potenzialità della cannabis in medicina.

Dopo un documentario andato in nodo quest’estate sulla CNN, il dottor Gupta sta ora lavorando ad un altro progetto, questa volta per il pubblico del Regno Unito. L’impegno ha preso corpo dopo che il dottore ha raccontato, sul suo blog sul sito della CNN, la storia di un 33enne britannico che recentemente è riuscito ad ottenere la marijuana medica dai Paesi Bassi attraverso una scappatoia legale scoperta dall’associazione CLEAR.

Jamie Watling ha subito fratture multiple alla colonna vertebrale che gli danno dolori che ha provato a curare con forti dosi di antidolorifici, ma senza trarne l’adeguato sollievo. Secondo le leggi del Regno Unito, la marijuana è vietata e classificata come sostanza senza alcun valore medico. Tuttavia il governo ha esentato alcune entità, come la GW Pharmaceuticals, da tale divieto.

Alla GW Pharmaceuticals è stato dato il permesso di coltivare cannabis a scopo medico dal 2003 al fine di produrre preparati farmaceutici come Sativex e Epidiolex , che vengono creati da estratti di piante intere .

Secondo CLEAR, il dottor Gupta sta lavorando su un documentario, che uscirà il prossimo marzo, della durata di un’ora che esporrà anche queste controversie. Il suo precedente documentario chiamato “WEED“, racconta la storia di una giovane ragazza del Colorado che utilizza estratti di cannabis ricchi di CBD come unica medicina per curare la sua grave forma di epilessia.

Un documentario che ha portato ad un aumento della consapevolezza tra le famiglie americane sulle potenzialità del CBD come trattamento per l’epilessia pediatrica.

Fonte: Leafscience.com

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: