Il CBD in alternativa ai farmaci nel trattamento delle psicosi

16/01/2014 16:08

brain 2Se in un recente studio dell’Università di Harvard si spiegava come non fosse alcuna evidenza scientifica del fatto che la cannabis possa causare la schizofrenia, altri ricercatori sono giunti alla conclusione che il CBD, “data l’alta tollerabilità e il miglior rapporto costo-effetto, potrebbe essere un’alternativa ai farmaci nella cura delle psicosi“.

In questo ultimo studio pubblicato sulla rivista Neuropsychopharmacology, alcuni ricercatori olandesi e britannici hanno preso in cosiderazione 66 studi precedenti su CBD e psicosi, e hanno concluso che il composto offre una serie di vantaggi rispetto ai farmaci attualmente utilizzati. Come racconta Leafscience, gli autori sottolineano che il CBD, a differenza della grande maggioranza dei farmaci, sembra non avere effetti collaterali evidenti e nessuna dose letale. E diverse evidenze scientifiche, compresi gli studi su animali e pazienti umani, supportano la sua efficacia come antipsicotico.

Uno degli studi più promettenti è stato pubblicato nel 2012 e ha coinvolto 39 persone affette da schizofrenia. 20 hanno assunto CBD e 19 la sulpiride, un farmaco antipsicotico. Alla fine del test di quattro settimane, coloro che avevano ricevuto il CBD mostravano gli stessi livelli di miglioramento di quelli che avevano ricevuto la sulpiride. Ma, ancora più importante, il CBD non ha causato gli squilibri ormonali e di peso che invece ha causato il farmaco.

“I risultati sono stati sorprendenti”, ha detto Daniel Piomelli, professore di farmacologia presso l’Università della California e coautore dello studio. “Il CBD non solo è stato efficace come un antipsicotico standard, ma era anche sostanzialmente privo degli effetti collaterali tipici osservati invece nelle cure con farmaci antipsicotici”, ha puntualizzato.

Purtroppo, nonostante la notizia abbia sollevato molti entusiasmi, gli autori sostengono sia solo il primo passo nell’obiettivo di realizzare un farmaco per i pazienti.

Redazione Cannabisterapeutica.info

Commenti su FB

commenti su facebook

Tags: