Il Sativex per trattare il tumore al cervello: al via la raccolta fondi per il primo studio al mondo

Agosto 24 2021 | cancro, Patologie, Studi scientifici

Il Sativex, farmaco orale a base di THC e CBD approvato anche in Italia per il trattamento della sclerosi multipla, sarà al centro del primo studio al mondo che valuterà la sua potenzialità nel trattare il glioblastoma, la più comune e letale forma di cancro al cervello.

La Brain Tumor Charity ha lanciato un appello per raccogliere 450mila sterline per finanziare il programma triennale. Se avrà successo nel 2022 partirà uno studio scientifico condotto dall’Università di Leeds e coordinato da un’unità di ricerca specializzata presso l’Università di Birmingham che coinvolgerà 232 pazienti in 15 ospedali del Regno Unito e che vedrà l’impiego del Sativex insieme al farmaco chemioterapico Temozolomide.

Il glioblastoma è una forma aggressiva e difficile da trattare di tumore al cervello che si ripresenta quasi sempre, nonostante i medici utilizzino la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia per affrontarlo. Quelli diagnosticati vivono solo da 12 a 18 mesi mentre quelli con un glioblastoma ricorrente sopravvivono solo per 10 mesi.

Il primo studio al mondo con queste modalità

“Pensiamo che il Sativex possa uccidere le cellule tumorali del glioblastoma e che possa essere particolarmente efficace se somministrato con la chemioterapia con temozolomide, quindi potrebbe aumentare gli effetti del trattamento chemioterapico nel fermare la crescita di questi tumori, consentendo ai pazienti di vivere più a lungo”, ha affermato Susan Short, professoressa. di oncologia clinica e neuro-oncologia presso l’Università di Leeds, che guiderà studio in un comunicato stampa.

Il processo segue uno studio precedente – uno studio di fase uno – che ha esaminato esclusivamente la sicurezza della somministrazione di Sativex e temozolomide insieme, che ha coinvolto 21 pazienti. I risultati di allora dissero che per un anno i pazienti hanno avuto una percentuale di sopravvivenza dell’83% rispetto al 53% del placebo, con una differenza quindi del 30%. La sopravvivenza media del gruppo che ha utilizzato il Sativex (farmaco a base di Thc e Cbd un rapporto 1:1) era superiore ai 550 giorni rispetto ai circa 369 giorni del gruppo placebo. Il trattamento è stato generalmente ben tollerato con con eventi avversi che hanno portato alla sospensione in due pazienti di ciascun gruppo. Gli effetti collaterali più comuni (registrati in tre o più pazienti e superiori rispetto al placebo) sono stati vomito (75%), vertigini (67%) nausea (58%), cefalea (33%) e costipazione (33%). I risultati di alcune analisi sui biomarker sono ancora in attesa.

Il nuovo studio triennale, chiamato Aristocrat, esaminerà sia la sicurezza di quel regime sia l’impatto che ha sull’esito del paziente, compreso il tempo di sopravvivenza.

E già nel 2011 uno studio pubblicato su Molecular Cancer Therapeutics arrivò alla conclusione che il THC e il CBD erano in grado di uccidere le cellule tumorali dei gliomi in vitro e in vivo se utilizzati insieme al farmaco chemioterapico Temozolomide.

“Speriamo che questo studio possa aprire la strada a una nuova e tanto attesa ancora di salvezza che possa aiutare a offrire ai pazienti con glioblastoma preziosi mesi in più per vivere e creare ricordi con i loro cari”, ha affermato il dott. David Jenkinson, amministratore delegato ad interim di Brain Tumor Charity.

Redazione di Cannabisterapeutica.info

PER APPROFONDIRE:

Le potenzialità della cannabis contro il cancro sono note da quasi 50 anni

“La cannabis come parte integrante del trattamento del cancro”, l’intervista al dr Calvanese