CBG: il fitocannabinoide dall'alto potenziale terapeutico

CBG: il fitocannabinoide dall'alto potenziale terapeutico

Il CBG potrebbe essere utile nel trattamento di diverse patologie

Il cannabigerolo, comunemente noto come CBG, è uno dei numerosi fitocannabinoidi presenti nella cannabis. Meno noto rispetto ai suoi "cugini" THC e CBD, il CBG è conosciuto come la "cellula madre" dei cannabinoidi.

Che cos'è il CBG?

Questo perché, attraverso processi enzimatici, il CBGA, acido precursore del CBG, si converte nei vari acidi cannabinoidi come THCA, CBDA e CBCA, che con il calore si decarbossilano nei loro formati più noti, THC, CBD e CBC. La sua unicità sta nella sua scarsa concentrazione nelle piante di cannabis mature, rendendolo un composto prezioso e meno abbondante.

Il CBG ha suscitato un notevole interesse per il suo potenziale terapeutico. Studi preliminari indicano che questo fitocannabinoide possiede proprietà anti-infiammatorie, analgesiche e neuroprotettive. È stato osservato che il CBG agisca come antagonista dei recettori CB1 e CB2, influenzando positivamente sistemi corporei come quello gastrointestinale, dove può ridurre l'infiammazione. Altre ricerche suggeriscono che il CBG potrebbe avere proprietà benefiche contro malattie come il glaucoma, grazie alla sua capacità di ridurre la pressione intraoculare, e possiedere effetti anticancerogeni, specialmente in studi relativi al carcinoma del colon.

Il CBG visto dai ricercatori italiani

Alla fine del 2022, un gruppo di ricercatori di diversi dipartimenti dell'Università di Messina, guidato dal professor Gioacchino Calapai, ha pubblicato una review delle sue potenzialità e degli studi fino ad allora pubblicati sulla rivista scietifica Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine. 

Nell'abstract dello studio mettono nero su bianco che: "I risultati preclinici mostrano che il CBG riduce la pressione intraoculare, possiede attività antiossidanti, antinfiammatorie e antitumorali e ha effetti ansiolitici, neuroprotettivi, dermatologici e stimolanti dell’appetito. Numerosi risultati suggeriscono che la ricerca sul CBG merita di essere approfondita, poiché potrebbe essere utilizzato, da solo o in associazione, per nuovi approcci terapeutici per diversi disturbi".

CBG: effetti antinfiammatori e antiossidanti

"Negli studi sugli animali da laboratorio, è stato dimostrato che i cannabinoidi hanno effetti antinfiammatori e un'analisi di sottogruppi ha suggerito che nella colite sperimentale, il CBG ha causato la maggiore riduzione dell'attività", fanno notare gli autori. In più: "Gli effetti del CBG sono stati studiati nella colite sperimentale indotta nei roditori dall'acido dinitrobenzene solfonico intracolonico (DNBS). CBG (1–30 mg/kg) i.p. la somministrazione prima o dopo l'induzione della colite sperimentale ha migliorato significativamente le conseguenze della somministrazione di DNBS sul rapporto peso/lunghezza del colon, un indice utilizzato per la valutazione dell'edema tissutale causato dall'infiammazione".

Al di là del CBG, sono numerosi gli studi che analizzano il potenziale dei cannabinoidi nel trattamento delle patologie grastrointestinali

Dal punto di vista dellazione sull'ossidazione del CBG i ricercatori fanno notare che "esercita un’attività antiossidante paragonabile a quella della vitamina E" e che "è stato scoperto che il CBG aumenta la difesa antiossidante cellulare" e che "il CBG può funzionare efficacemente nel ridurre i radicali liberi per migliorare l’attività antiossidante cellulare". 

Attività antitumorale

I ricercatori scrivono che: "Gli effetti del CBG sono stati studiati su diverse linee cellulari tumorali. È stata studiata l'attività antitumorale del CBG contro le cellule di carcinoma epitelioide orale umano. In questi esperimenti in vitro, il CBG ha mostrato una proprietà antitumorale contro le cellule di melanoma cutaneo con attività significativa". 
"È stato scoperto che il CBG è efficace contro il cancro al seno nella linea cellulare umana MDA-MB-231 e antagonizza la proliferazione della linea cellulare iperproliferante di cheratinociti umani". 
Inoltre,fanno sempre notare gli scienziati, "come osservato sopra, il CBG è in grado di ridurre l’infiammazione intestinale sperimentale, il che potrebbe essere importante alla luce del rischio di sviluppare il cancro del colon-retto (CRC), che è considerevolmente più elevato nei pazienti con colite ulcerosa".
Infine scrivono che "Il glioblastoma è un tumore al cervello aggressivo, con un'incidenza crescente. Si è scoperto che il CBG, come avviene con il THC, rallenta la progressione di questo tumore e inibisce l’invasione delle cellule di glioblastoma. Inoltre, il CBG è efficace nel ridurre le cellule staminali del glioblastoma resistenti alla terapia [55]. Questi risultati indicano che il CBG, mostrando anche effetti analgesici, antinausea e stimolanti l’appetito, potrebbe rappresentare una nuova terapia adiuvante per il glioblastoma.

Effetti neuroprotettivi

Sugli effetti neuroprotettivi (qui un nostro articolo sul CBD come neuroprotettore) i ricercatori scrivono che: "Gli effetti neuroprotettivi del CBG e del CBD sono stati confrontati in esperimenti che simulavano lo stress ossidativo e la neurotossicità come si verificano nelle patologie neurologiche nei ratti. Il CBG e il CBD esercitano un'attività antiossidante negli astrociti esposti al perossido di idrogeno e ripristinano il contenuto di serotonina nella corteccia" e poi che: "Gli effetti protettivi del CBG sono stati studiati in due modelli in vivo della malattia di Huntington". 
Infine riportano gli effetti della neuroprotezione del CBG in modelli di sclerosi multipla e sclerosi laterale amiotrofica. 

Effetti antiansia 

"Il CBG agisce come un antagonista 5-HT1A come dimostrato negli esperimenti in vitro e in vivo. Per questo motivo è stato proposto che possa essere responsabile degli effetti ansiolitici della cannabis", riportano. 

Effetti antinausea

Secondo i ricercatori il CBG influenza le proprietà antiemetiche di THC e CBD. Ad esempio i ricercatoeri fanno notare che "i risultati indicano che l’iniezione di dosi moderate di CBG e CBD può essere opposta l’una all’altra a livello del recettore 5-HT1A con interferenza nella modulazione della nausea e del vomito. Questi risultati suggeriscono che il CBG potrebbe essere utilizzato per le sue potenziali interazioni con il CBD a causa della sua azione opposta sul recettore 5-HT1A nella nausea e nel vomito". 

Riduzione della pressione intra-oculare

Dopo aver analizzato gli effetti del THC e del CBN, i ricercatori scrivono che: "Poiché il CBG non ha prodotto queste tossicità, è evidente che l’effetto ipotensivo oculare ottenuto con questo cannabinoide può essere distinto sia dagli effetti avversi centrali che oculari associati alla cannabis". 

Altri effetti

Tra i vari altri effetti analizzati del cannabinoide, spicca il suo potenziale utilizzo per contrastare la resistenza agli antibiotici. "Il CBG e altri importanti cannabinoidi come CBD, CBC, THC e CBN hanno mostrato attività contro i ceppi di Staphylococcus aureus resistenti alla meticillina (MRSA). Il raro verificarsi di resistenza crociata tra microrganismi e composti derivati ​​da antibatterici vegetali suggerisce la possibilità che il CBG possa essere studiato come potenziale fonte di composti per affrontare la resistenza agli antibiotici. Il CBG ha anche mostrato attività contro lo Streptococcus mutans alterando le proprietà della membrana batterica attraverso l’iperpolarizzazione di induzione e riducendo la fluidità della membrana e provocando un conseguente aumento della permeabilità della membrana. Altri esperimenti hanno dimostrato che il CBG è un potenziale agente contro il biofilm batterico, un fattore chiave per la contaminazione dei dispositivi medici, favorendo l’insorgenza di infezioni croniche umane".
 

6 febbraio 2024
Altro da leggere
AttenzioneLe informazioni su questo sito sono presentate a solo scopo informativo, non possono costituire in alcun caso la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Pertanto non possono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente o la visita specialistica. Leggi il Disclaimer