Dolore al basso ventre: cosa può essere?

Dolore al basso ventre: cosa può essere?

Cause, sintomi e terapie efficaci

I dolori al basso ventre possono essere un sintomo di numerose cause e patologie. In questo articolo esploriamo le più comuni.

Dolori al basso ventre: possibili cause 

I dolori al basso ventre possono essere causati da diverse condizioni, a seconda dell’intensità del fastidio, della natura cronica o transitoria della sintomatologia, della presenza o meno di altri fastidi (come febbre, nausea o vomito) e dagli organi interessati.

Nella maggior parte dei casi, i dolori al basso ventre possono essere collegati al tratto gastrointestinale, alle vie urinarie o all’apparato genitale.

Dolori al basso ventre di natura gastrointestinale

Quando a essere interessato è l’intestino, si può essere di fronte a condizioni gastrointestinali come:

  • diarrea o, al contrario, stitichezza, per le quali il dolore si avverte in particolare nella parte inferiore dell’addome;
  • sindrome del colon irritabile, per la quale il fastidio è spesso localizzato nella parte centrale ed è accompagnato da gonfiore, diarrea o costipazione;
  • diverticolite, ossia l’infiammazione delle protuberanze (diverticoli) che si formano lungo la parete del colon, che causa dolore soprattutto nella parte inferiore sinistra dell’addome;
  • patologie infiammatorie, per esempio il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, spesso associate anche a sintomi quali perdita di peso e diarrea.

In presenza di patologie gastrointestinali, la cannabis terapeutica si è rivelata particolarmente efficace per arginare i sintomi; ne abbiamo parlato nel dettaglio nell’articolo dedicato.

Cause legate alle vie urinarie

Se il dolore al basso ventre è collegato alla vescica o alle vie urinarie, la condizione può essere collegata a:

  • infezioni del tratto urinario, come le cistiti, che sono spesso accompagnate dal bisogno impellente di urinare, da bruciore durante la minzione, da urina torbida e dall’odore particolarmente sgradevole e da febbre e brividi;
  • calcoli renali, che vedono una sintomatologia simile alle infezioni sopracitate.

Dolore al basso ventre di origine ginecologica

Infine, il dolore al basso ventre può essere associato a problemi e disturbi ginecologici, come:

  • dismenorrea, ossia i dolori associati al ciclo mestruale, che possono essere alleviati grazie a trattamenti a base di prodotti contenenti CBD;
  • infezioni vaginali, accompagnate spesso da perdite biancastre o tendenti al giallo e al verde, prurito intimo, dolore durante i rapporti o durante la minzione;
  • endometriosi, che vede tra i sintomi anche dolore cronico nella parte bassa della schiena o nell’area del bacino, dolore durante e dopo i rapporti sessuali, dismenorrea particolarmente intesa, gonfiore, costipazione, diarrea e nausea;
  • fibromi uterini, in questo caso spesso il dolore al basso ventre è accompagnato da mestruazioni abbondanti, dolorose e ravvicinate, dolore pelvico, minzione più frequente e anemia;
  • distonia pelvica, un disturbo caratterizzato da contrazioni muscolari prolungate e involontarie dell’area, spesso collegate a incontinenza, dolore durante la minzione e la defecazione o, al contrario, difficoltà a urinare e defecare;
  • cisti ovariche e sindrome dell’ovaio policistico, che portano anche gonfiore, disturbi intestinali, nausea, vomito e dolore pelvico che si presenta durante i rapporti sessuali e la minzione;
  • malattie infiammatorie pelviche, come vaginosi batterica o patologie sessualmente trasmissibili, che possono causare dolore al basso ventre ma anche secrezioni anomale, febbre e sanguinamento irregolare. 

Un aiuto dalla cannabis terapeutica

In molte delle patologie sopracitate la cannabis può essere utile per coadiuvare il trattamento della patologia. Soprattutto il cannabidiolo (CBD), principale componente non psicoattiva della cannabis, può essere utilizzato grazie alle sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie come potente alleato per contrastare i fastidi e i sintomi legati alle patologie delle vie urinarie, quelle di origine ginecologica e quelle di natura grastrointestinale. Spesso, in questi casi, gli specialisti affiancano alla terapia classica anche una dieta adeguata, per fornire il giusto apporto nutrizionale e lenire la patologia. 

Considerata la varietà di cause che possono nascondersi alla base dei dolori al basso ventre e la gravità di alcune di loro, per una diagnosi e un trattamento adeguati è sempre consigliato rivolgersi a un medico. 

 

27 dicembre 2023
Altro da leggere
AttenzioneLe informazioni su questo sito sono presentate a solo scopo informativo, non possono costituire in alcun caso la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Pertanto non possono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente o la visita specialistica. Leggi il Disclaimer