CBD come alternativa naturale a benzodiazepine e ansiolitici

CBD come alternativa naturale a benzodiazepine e ansiolitici

L'efficacia e la tollerabilità del CBD nel trattamento dell'ansia

L'ansia è un fenomeno comune che può manifestarsi in risposta a situazioni stressanti o minacciose. In molti casi, l'ansia è una reazione fisiologica naturale che aiuta a preparare il corpo per affrontare sfide o problemi. Tuttavia, quando l'ansia diventa eccessiva e persistente, può trasformarsi in un disturbo patologico, influenzando negativamente la qualità della vita. In questo articolo, esploreremo l'ansia, i farmaci ansiolitici tradizionalmente utilizzati, e come il CBD potrebbe rappresentare un'alternativa più naturale.

Che cos'è l'ansia e per quali motivi insorge

L'ansia può diventare problematica quando è sproporzionata rispetto alla situazione o persiste nel tempo. Le cause dell'ansia possono essere molteplici, tra cui stress cronico, traumi, o predisposizione genetica. Comprendere le radici dell'ansia è essenziale per sviluppare strategie di gestione efficaci.

L'ansia fisiologica è una risposta adattativa del corpo, mentre l'ansia patologica è eccessiva e può interferire con le attività quotidiane. Riconoscere la differenza è cruciale per determinare se è necessario un intervento terapeutico e quale approccio può essere più appropriato.

I farmaci ansiolitici e gli effetti collaterali

Nel trattamento dell'ansia, i farmaci ansiolitici come le benzodiazepine e altri psicofarmaci sono spesso prescritti per ridurre i sintomi. Tuttavia, l'uso prolungato di questi farmaci può comportare effetti collaterali indesiderati.

Gli ansiolitici tradizionali possono causare effetti collaterali come sonnolenza, dipendenza, e compromettere le funzioni cognitive, ad esempio con problemi di concentrazione. La gestione degli effetti collaterali può diventare un problema per coloro che sviluppano dipendenza da questi farmaci per gestire l'ansia.

CBD: una prospettiva naturale per il trattamento dell'ansia

Il CBD, o cannabidiolo, è un composto naturale estratto dalla pianta di cannabis. A differenza degli ansiolitici tradizionali, il CBD agisce sul sistema endocannabinoide, influenzando i recettori neurali e riducendo l'attività eccessiva. La natura non psicoattiva del CBD lo rende una possibile alternativa agli ansiolitici convenzionali.

Studi scientifici suggeriscono che il CBD può avere effetti positivi nel trattamento dell'ansia, riducendo i livelli di stress e migliorando il sonno. La sua capacità di interagire con i recettori cerebrali potrebbe offrire un approccio più equilibrato senza gli effetti collaterali comunemente associati agli ansiolitici tradizionali.

In conclusione, il CBD emerge come un'opzione promettente per coloro che cercano alternative agli ansiolitici convenzionali. Tuttavia, è essenziale consultare un medico prima di apportare modifiche al regime terapeutico, poiché ogni individuo può rispondere in modo diverso ai trattamenti. 

CBD e ansia in letteratura

Uno studio condotto presso il Cognitive and Clinical Neuroimaging Core del McLean Hospital Imaging Center di Belmont (Massachusetts) e intitolato "Miglioramento clinico e cognitivo dopo il trattamento con cannabidiolo ad ampio spettro per l'ansia: dati open-label da uno studio clinico di fase 2 a due stadi" è stato pubblicato alla fine del 2022 su Nature.

Lo scopo principale della ricerca era confermare le proprietà ansiolitiche del CBD, esaminare il suo impatto sulle abilità cognitive e suggerire nuove strategie per affrontare i disturbi legati all'ansia.

Durante lo studio clinico, i ricercatori hanno valutato l'efficacia e la tollerabilità di un trattamento di quattro settimane basato su CBD a spettro completo (9,97 mg/mL CBD, 0,23 mg/mL Δ−9-tetraidrocannabinolo), somministrando 1 ml per tre volte al giorno a 14 pazienti con diagnosi di ansia da moderata a grave.

I risultati dello studio hanno rivelato un miglioramento significativo della condizione dei pazienti alla fine del periodo di trattamento, sia per quanto riguarda l'ansia che per i disturbi correlati come i cambiamenti dell'umore, l'equilibrio del sonno e la qualità della vita.

Sono migliorate le abilità cognitive, con un aumento della funzione esecutiva e tempi di risposta più rapidi. Non sono stati riscontrati effetti collaterali significativi sulla memoria visiva e verbale, indicando una mancanza di effetti indesiderati del CBD in questo contesto.

Durante la quarta settimana di studio, i livelli di ansia sono diminuiti significativamente (≥15%), con una riduzione dei sintomi correlati già evidente nella prima settimana per la maggior parte dei pazienti. Il 100% dei partecipanti ha risposto positivamente al trattamento entro la terza settimana.

I ricercatori hanno sottolineato la buona tollerabilità del farmaco, evidenziando la mancanza di effetti collaterali significativi durante il trattamento, con solo segnalazioni di lievi livelli di sonnolenza, affaticamento, secchezza delle fauci e, in alcuni casi, aumento dell'energia.

Gli studiosi hanno concluso che i risultati iniziali indicano un notevole miglioramento nei parametri primari dell'ansia, suggerendo preliminarmente che un prodotto a spettro completo e ricco di CBD potrebbe essere efficace nel trattamento dell'ansia con pochi effetti collaterali. Una valutazione più definitiva dell'impatto su sintomi clinici e cognitivi verrà effettuata nella successiva fase controllata con placebo, attualmente in corso.

 

22 dicembre 2023
Altro da leggere
AttenzioneLe informazioni su questo sito sono presentate a solo scopo informativo, non possono costituire in alcun caso la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Pertanto non possono in alcun modo sostituire il rapporto medico-paziente o la visita specialistica. Leggi il Disclaimer